Spedizione gratuita per ordini superiori a €50

PURE' DI FAVE

sopra November 19, 2020

Il purè di fave è uno dei piatti più antichi e tradizionali della Puglia. In passato, il purè di fave avanzato dal giorno prima veniva allungato con pezzi di pane raffermo e consumato dai contadini la mattina per colazione, facendo così in modo di avere energie per tutta la giornata passata  a lavorare nei campi. Il purè di fave solitamente viene abbinato a dei contorni di verdure spontanee che vengono raccolte nelle campagne pugliesi e in alcuni paesi viene addirittura abbinato alla frutta, come l'uva estiva o con il polpo.  

DOSI PER 6 PERSONE

  • 500g di fave secche
  • sale
  • olio extravergine d'oliva

Tenere a bagno le fave per una notte ricoperte d'acqua. Passata la notte, mettere le fave in una pignatta e aggiungere l'acqua fino a metà del recipiente. Riporre la pignatta sul fuoco con un coperchio e far cuocere per circa un'ora. Non appena inizia la bollitura, con un cucchiaio, eliminare la schiuma formatasi in superficie, aggiungere il sale e mescolare un cucchiaio lungo di legno. A questo punto aggiungere ancora altra acqua fino all'orlo della pignatta e lasciar cuocere fino a che le fave non si siano del tutto sfaldate. Aggiungere l'olio d'oliva e mescolare energicamente fino a che non diventi tutto omogeneo e morbido. Servire le fave ancora calde con un filo d'olio e con i contorni che più si preferiscono.

LASCIA UN COMMENTO
TORNA IN CIMA