Spedizione gratuita per ordini superiori a €50

SCAPECE PUGLIESE

on December 03, 2020

La scapece pugliese è piatto famoso in tutta la Puglia. Ha origini antichissime e consiste nel marinare dei piccoli pesciolini con strati di pane imbevuto di aceto e aromatizzato allo zafferano, che regala a questo piatto il classico e tradizionale colore giallo. La scapece  si può conservare per mesi, per questo, in passato veniva preparata per fare provvista nei periodi di carestia e veniva conservata in barilotti di legno di castagno. Oggi la scapece è la protagonista delle feste patronali di paese.

  • 800g di pesciolini (sardine, alici, avannotti, zerri, boghe)
  • 1 litro di olio per friggere
  • 1 litro di aceto di vino bianco
  • 3 bustine di zafferano
  • farina
  • sale
  • mollica di pane

Lavare i pesciolini senza deliscarli, passarli nella farina e friggerli nell'olio bollente precedentemente scaldato. Far dorare i pesciolini, scolarli e porli su carta assorbente, salare e lasciarli raffreddare. Nel frattempo in una terrina, versare l'aceto e scioglierci lo zafferano. In un altro contenitore, sbriciolare la mollica di pane e varsarci sopra l'aceto con lo zafferano lasciando riposare per qualche minuto. In un contenitore preferibilmente alto iniziare a disporre un primo strato di pane imbevuto di aceto e i pesciolini fritti, continuare con un secondo strato di pane all'aceto e dinuovo uno di pesciolini fino al termine degli ingredienti, l'ultimo strato deve essere fatto con la mollica di pane. Ricoprire il contenitore con della pellicola e lasciar marinare in frigo per 24ore.

LEAVE A COMMENT
BACK TO TOP